Romanzi inquietanti ma che fanno riflettere

Per me i romanzi inquietanti sono libri duri che trattano tematiche forti, di solito sono thriller, genere a cui periodicamente mi appassiono, soprattutto nelle stagioni fredde. Mi incuriosiscono le ricerche e credo che questa tipologia di libri sia uno stimolo per indagare gli animi umani.

Ovviamente i thriller si strutturano su paure e traumi, elementi che non mancano di certo in queste storie. Di solito leggo alla sera e non ti nascondo che alcune scene le ho trovate davvero suggestive, profonde e mi hanno lasciato molto materiale su cui riflettere.



LUNA ROSSA di Jo Nesbø // EINAUDI
Non era la prima volta che leggevo un libro di Jo Nesbø. Lo apprezzo molto come scrittore e credo che sia abile a costruire le trame, a confondere e a seminare briciole e indizi. Questa volta ha convinto il suo storico personaggio Harry Hole a tornare a Oslo da Los Angeles per risolvere un caso impossibile anche per la polizia. In realtà non sarà solo ma metterà in piedi una squadra decisamente particolare che riuscirà a venire a capo della faccenda.
Il titolo è un titolo ad effetto ma c’entra poco con la trama. Si può leggere anche se non si sono letti altri libri del controverso personaggio dal particolare acume investigativo, tuttavia ho notato che Nesbø non regala spiegazioni, alcune basi le dà per scontate. Una vorticosa indagine, a tratti sofisticata, che non rispecchia la canonica indagine investigativa classica motivo per cui non annoia, anche se la prima parte è più lenta della seconda.


SPLENDI PIÙ CHE PUOI di Sara Rattaro // GARZANTI
Un libro veloce che ho letto tutto d’un fiato. La protagonista si ritrova a vivere una relazione completamente disfunzionale fatta di violenze e vessazioni che crede di meritarsi finché non elabora un piano sensato per tornare a rinascere in modo consapevole. La scrittura l’ho trovata scorrevole e delicata nonostante l’autrice affronti un tema difficile e attuale. Consegna un segno di speranza che è poi anche riportato nel titolo.
Ti lascio una citazione dal libro:
« Come è difficile capire il significato delle proprie scelte»
Aggiungo che è molto complicato se non si acquisisce una consapevolezza precisa di come il proprio sistema emotivo riesca a rapportarsi con gli altri e la realtà. Ogni percorso che riusciamo a fare che accenda la nostra consapevolezza è una grande forza risolutiva per cercare, non solo di comprendere se stessi, ma anche chi abbiamo attorno.


L’OSPITE di Emma Cline // EINAUDI
Incuriosita dalle recensioni, ho comprato questo libro di una giovane autrice californiana: Emma Cline e l’ho trovato indigesto. Direi che è senz’altro un libro che smuove emozioni. La protagonista fin da subito mi è parsa insopportabile. Il racconto mi ha però tenuta incollata alla lettura dall’inizio alla fine, questo soprattutto grazie ad alcuni ganci narrativi che l’autrice usa abilmente, intrigando la trama di diversi elementi che sembrano schiudere spazio di azione ma che poi non si risolvono mai. A metà libro mi sono resa conto che molte porte aperte della trama non sarebbero state risolte perché non c’erano abbastanza pagine rimaste. Un po’, come lettrice, questa cosa mi ha lasciato l’amaro in bocca. Una caratteristica che invece ho trovato di grande impatto è la capacità descrittiva della scrittrice. È impressionante come trasporti nelle scene attraverso l’uso di descrizioni molto attente.


LA PSICHIATRA di Wulf Dorn // TEA
Anche di questo libro ne ho davvero sentito parlare molto. Che era un libro sconcertante, angosciante, che molte persone addirittura non erano riuscite ad andare avanti nella lettura perché troppo provate emotivamente dalla trama. È un romanzo molto particolare. Credo che una volta arrivati alla fine bisognerebbe rileggerlo con la nuova chiave di lettura che viene svelata alla fine. Ha un ritmo incalzante che mi ha catturata subito. Rispecchia lo stato mentale della protagonista che è, per l’appunto, una psichiatra che incontrerà in modo molto crudo il suo passato. Già le prime tre righe del prologo sono una potente calamita:
«Certe leggende parlano di luoghi che attirano il male, luoghi che sono stati teatro di tante tragedie, come se fossero affamati di terribili disgrazie».


Buone letture!

Se vuoi scoprire i libri che ho già sul comodino puoi seguire il mio canale Instagram.

Idee per regali “accoglienti”

Su richiesta di una Community molto attiva e vispa che definisco a ragion veduta Cerambici, eccomi a suggerirti alcune idee per i regali “accoglienti”, ovvero quei regali che reputo utili e allo stesso tempo, si spera, poco dannosi per l’ambiente, anche se al giorno d’oggi credo non ci sia più nulla di veramente ecologico al 100%.

Non è una lista gigantesca ma solo piccoli spunti di prodotti che amo ricevere e regalare a mia volta: libri, candele, cuscini, piante, coperte. Gli oli essenziali non li ho messi in quanto ho dedicato loro un articolo del blog intero che puoi trovare a questo link https://www.mariannacorona.it/2023/10/20/oli-essenziali-che-passione/

Ma iniziamo che le feste sono dietro l’angolo:

LIBRO LE PIANTE CI PARLANO (ne ho parlato su un Reel che trovi sul mio canale Instagram))

IL PICCOLO LIBRO DELL’IKIGAI Un neuroscienziato giapponese ci porta in un affascinante viaggio nella tradizione del suo paese, alla ricerca di qualcosa di misterioso, prezioso, semplice e sfuggente: la forza che ci fa alzare la mattina.

LIBRO COME SONO FATTE LE EMOZIONI

L’AGENDA DELLA LUNA 2024 (con tutte le fasi lunari e le cose che è opportuno fare in ogni ciclo lunare)

PIANTA CALATHEA (ogni volta che la guardo mi mette di buon umore, resiste dentro casa e sono piante che hanno qualcosa di magico)
versione 1 verde splendente
versione 2 verde quieto

CUSCINO KITSUNE CERVICALE CON SEMI DI GRANO

CUSCINO KITSUNE ROTONDO PER PANCIA, SCHIENA E ZONA LOMBARE CON SEMI DI GRANO

CUSCINETTO LAVANDA PER MASSAGGIO RILASSANTE AGLI OCCHI

CUSCINO TERMICO CON GRANELLI DI GRANO

COPERTA DI LANA (un evergreen ma a me le coperte svoltano le giornate)

CUSCINO TERMICO CON NOCCIOLI DI CILIEGIA

YANKEE CANDLE AL COCCO (uso poche candele profumate perché sapete che amo di più gli oli essenziali ma questa al cocco e quella alla zucca ballano con la mia malinconia e la fanno stare bene)

CANDELE ETERNE AVA & MAY (vi aggiungo anche queste che invece di solito uso a volte nel bagno durante la doccia)

Spero di averti dato qualche spunto in più e grazie sempre per il tempo che hai dedicato alla lettura.

Sempre grata ♡

Oli essenziali che passione!

Il post che ho messo recentemente su IG riguardante gli oli essenziali ha destato un po’ di curiosità. Ammetto di non averti mai parlato di questa mia passione. Uso molto gli oli essenziali in casa e mi piace sentire l’aroma delle piante in giro per le stanze ma anche sui vestiti oppure prima di addormentarmi. Mi sembra così di essere in un bosco, vicina ai sentieri e di sorridere nell’animo.

Per l’autunno uso soprattutto queste combinazioni, sono davvero le mie preferite in questo periodo:
PRIMO SET: 5 gocce di salvia, 3 gocce di limone, 1 goccia di finocchio
SECONDO SET: 5 gocce di lavanda, 3 gocce di chiodi di garofano, 1 goccia di rosmarino
TERZO SET: 5 gocce di menta, 3 gocce di timo, 1 goccia di rosmarino
QUARTO SET: 5 gocce di finocchio, 3 gocce di citronella, 1 goccia di salvia

I diffusori, perché spargano l’essenza come si deve, vanno puliti periodicamente in modo che non ci siano residui di olio essenziali o resina sui filtri, in caso di quelli elettrici, oppure nelle ciotole di quelli tradizionali.

Per pulire le ciotole di quelli tradizionali uso aceto bollente che lascio raffreddare nella ciotola. I filtri di quelli elettrici è sufficiente pulirli con un panno asciutto.

Ma veniamo ai Brand, ne scopro sempre di nuovi e sono sempre alla ricerca di quelli che ancora non ho provato e non conosco, ma ho anche i miei preferiti quelli a cui non rinuncio mai. Vediamoli assieme.

Sono una vera e propria appassionata di oli essenziali, allietano le mie giornate. Cerco di usare solamente quelli puri e che possono essere usati anche per uso alimentare. Ma ricordiamoci che in ogni caso non vanno mai presi o usati senza prima diluirli.

Ho l’abitudine di usarli anche in lavatrice con il detersivo senza profumo. Adoro l’aroma che lascia il rosmarino selvatico sui panni appena lavati.

NASOTERAPIA: Brand buonissimo e forse è quello meno economico ma possiede una gamma di essenze capillare: di questo Brand adoro l’abete siberiano e il mandarino.

ERBA VITA: il mio Brand preferito da sempre. Essenze espansive che avvolgono davvero la casa e creano un’atmosfera unica. Non mi faccio mai mancare la menta piperita, il limone e la salvia.

FITOMEDICAL: altro Brand che adoro e che alterno a Erba Vita. L’olio essenziale che uso di più di questo Brand è la citronella. Poche gocce per aromatizzare la cucina quando ci mettiamo ai fornelli.

LE ERBE DI JANAS: si tratta di un’azienda artigianale sarda che ho scoperto per caso e me ne sono innamorata. Produce preziosi oli essenziali concentrati da usare con parsimonia.
Tra i suoi bestseller: arancio, camomilla, finocchietto selvatico, mirto selvatico e un inedito olio essenziale al Palo Santo. Il rosmarino selvatico lo uso diluito per massaggiarmi le tempie quando sono molto stanca.

Il loro shop qui

PURE ESSENTIEL: ottimo Brand con alcune profumazioni molto strong che possono in alcuni casi a volte dare fastidio se usati troppo frequentemente. Il mandarino verde è molto particolare e anche l’eucalipto è molto intenso. Preferisco il loro timo e arancio dolce.

BIOEARTH: altro Brand che ho scoperto di recente e che mi sta dando innumerevoli soddisfazioni. Il loro Tea Tree (che esiste anche nella boccetta da 30 ml) lo uso (sempre diluito) anche per passare i pavimenti quando voglio aromatizzare per bene casa.

ERBAMEA: altro Brand molto valido che si trova facilmente. Ovviamente, neanche a dirlo, adoro mettere gocce di oli essenziali anche in armadi e cassetti dove alterno limone, arancia, o pompelmo, alla lavanda e al sandalo.

PURAE: Brand del cuore insieme a Fitomedical ed Erba Vita. Dispone di una rosa di oli essenziali fantastica a costi non eccessivi (poi dipende dal tipo di olio essenziale).
Ha anche il pino mugo che uso quando ho nostalgia dei sentieri.

SALIET: un Brand della mia zona, si tratta di un’azienda agricola nata nel cuore delle Dolomiti friulane all’interno del piccolo comune montano di Claut dove producono diversi prodotti tra cui oli essenziali puri e biologici dei quali si sente proprio nitida e presente la qualità. Ne bastano pochissime gocce in quanto sono molto concentrati.
Hanno un comodo E-Shop per farsi raggiungere da tutti.

Qui il loro shop

Spero di esserti stata utile o di averti spronato ad avvicinarti a questo mondo.
Namasté
Sempre grata

La scrittura è meditazione

La scrittura è una delle forme di meditazione più profonde in assoluto. Non serve essere scrittori o letterati per provare su di sé la potenza di una forma di comunicazione inventata dall’essere umano e che ha stravolto in modo totale l’evoluzione storica, sociale e intellettuale.

Personalmente trovo la scrittura una bellissima rete universale che collega passato, presente e futuro. Quando scriviamo attiviamo il momento presente attraverso un movimento pratico e fisico che è quello delle dita, sia che usiamo la tastiera oppure carta e penna (anche se tra i due metodi, a livello cognitivo, c’è una grande differenza).

Ma se ci concentriamo per un attimo sul movimento fisico delle dita possiamo cogliere che proprio questo movimento è la calamita che ci fa immergere nel momento presente.

La mente intanto elabora, cerca e scruta tra i pensieri. Ripesca dal passato e si plasma su quello che ci accade interiormente e durante le giornate. Quando scriviamo possiamo raccontare un fatto o un aneddoto oppure possiamo trarre le nostre riflessioni su qualcosa che ci ha ferito. Possiamo raccontare alla scrittura le nostre gioie, ciò che ci ha reso fieri e che ci sprona ogni giorno.

La scrittura porta con sé anche un occhio al futuro. Possiamo dedicare la scrittura a dei potenziali lettori, oppure tenercela lì per rileggerla tra qualche tempo e capire di noi, delle sensazioni che abbiamo provato, di quello che facevamo in quel periodo.

Mentre scriviamo usiamo una potenzialità multitasking che collega passato, presente e futuro. È una sensazione che permette di sentirci tutt’uno con la nostra vita. Ci permette di guardarla con onestà e delicatezza, con consapevolezza e attitudine a coglierci nell’insieme.

Una vera e propria meditazione in movimento.

Detto questo e aspettando anche le tue riflessioni in merito se vorrai raccontarmele, ti regalo 5 esercizi di scrittura che potranno aiutarti a entrare in confidenza, in modo semplice, con questo mezzo di meditazione:

• siediti comodamente in mezzo alla Natura oppure alla finestra, e descrivi quello che vedi

• scrivi su 5 bigliettini altrettanti stati d’animo che hai provato nella settimana. Poi chiudi gli occhi e pescane 2. Leggi quelli pescati e rivivili chiudendo gli occhi, senza paura, con la consapevolezza dell’indulgenza e lasciali andare come fossero respiro

• scrivi la sera, prima di coricarti, tre cose per cui hai provato gratitudine durante la giornata

• scrivi 2 parole contrastanti, osservale e cerca tra le due una connessione plausibile: trova lo Yin nello Yang e viceversa

• scrivi 3 parole immediate senza pensarci troppo e poi da quelle 3 parole scrivi una frase

Buona esplorazione.
Namasté

7 cose da fare in Valcellina ad agosto

Le vacanze si avvicinano e l’estate ci accompagna in giro, così ho pensato di raccogliere alcune cose da fare in Valcellina ad agosto, per chi ama la montagna e desidera venire a visitare questi luoghi per me speciali.

Luoghi che mi hanno vista crescere e motivata durante la vita, hanno forgiato il mio carattere e mi hanno fatta appassionare all’Universo naturale.

Se non hai mai provato ad arrampicare ma ti fermi sempre a osservare chi arrampica passando in qualche falesia per caso, beh è giunto anche per te il momento di provare. Puoi farlo in totale sicurezza insieme a una guida alpina.

Con un professionista della montagna che ti guida passo dopo passo sarà un’emozione catartica che ti porterai dietro per molto tempo. Ancora adesso mi ricordo della mia prima arrampicata. Ero una bambina e ho scalato insieme a mio padre.

Questo episodio lo racconto nel mio libro Fiorire tra le rocce molto dettagliatamente.

Ti lascio il recapito di tre guide alpine semmai dovessero servire:
– Francesco Fazzi 328.2170815
– Luca Vallata 328.3357812
– Francesco Lorenzi 340.1346981

Ci sono poi le strade di fondovalle: la Val Cimoliana e la Val Settimana. Anche questi lunghi percorsi mi hanno sempre affascinata molto. Si può camminare per chilometri (fino a 15!) costeggiando boschi, radure e torrenti. In entrambi i casi si approda alla fine in un rifugio magnifico e sperduto dove poter gustare un piatto tipico o un dolce in tranquillità.

Una meraviglia per chi ama starsene in mezzo alla Natura senza fare fatica esagerata.

Proprio in una di queste valli esiste un villaggio sugli alberi dove si può pernottare. Non dico altro. Ma svegliarsi di prima mattina come un elfo e assaporare la frescura dell’alba è una cosa da fare almeno una volta nella vita. (www.treevillage.it – 333.3866363)

Ma le emozioni non sono finite. A Barcis c’è un ponte tibetano da attraversare con caschetto e imbrago sospeso sopra un canyon bellissimo che si infila nelle acque limpide e azzurre della Riserva Naturale della Forra del Cellina.

Se andrai nei giorni festivi armati anche di pazienza perché magari potresti trovare un po’ di fila, ma l’attesa sarà ampiamente ricompensata. Per tutte le info puoi contattare la Cooperativa Valcellina al numero 0427.76069

La Val Zemola, se sei allenato e ti piacciono gli itinerari selvatici e lunghi, è il tuo luogo ideale. C’è un percorso ad anello che parte dal parcheggio di Casera Mela, per poi salire a Casera Galvana, arrivare al Rifugio Maniago, proseguire per Casera Bedin, raggiungere il Rifugio Buscada e, per il sentiero del cavatore, tornare a Casera Mela.

Una bella sfacchinata per fiato e gambe ma potrai assaggiare nei rifugi diversi tipi di frico, formaggio fritto e dolci fatti in casa. Puoi anche spezzare l’itinerario in più giorni e pernottare nei rifugi.

Dove?
Rifugio Maniago 0427.667027 – 338.1697479
Rifugio Cava Buscada 320.0413665 – 328.4625598
Rifugio Casera Mela 333.7857908 – 331.8210690

Infine se vuoi vedere gli animali selvatici dal vivo ma non sei amante degli appostamenti e delle attese lunghe, anche in questo ti veniamo incontro. Nel Parco Faunistico Pianpinedo a Cimolais potrai passeggiare e vedere soprattutto cervi che pascolano e che passeggiano indisturbati.

Mentre ad Andreis esiste un Centro di recupero dell’avifauna ferita dove sono protetti alcuni esemplari che non possono più volare o che sono in convalescenza. Ecco il recapito per raccogliere maggiori informazioni 331.6481395 Parco Naturale Dolomiti Friulane

Dopo tutto questo non ti resta che metterti sotto a un albero con libro e bloc notes per leggere qualche riga e scrivere le tue impressioni, emozioni e sensazioni.

Buone vacanze
Namasté

Il motto delle antenne alte

A luglio ho sempre l’impressione che le giornate si distribuiscano più lentamente sulle vite. Rispetto all’anno scorso, oggi, a luglio sono più indaffarata. Ho progetti nei cassetti che si sono aperti all’improvviso creandomi gioia e preoccupazione nello stesso istante. Dall’apnea di giugno, fatta di controlli medici, scadenze importanti e piccoli passi quotidiani, ne sono uscita frastornata. Come sempre mi ci vuole del tempo a riprendermi dagli stress profondi e mi devo lasciare spazio per recuperare.

I miei alleati sono la meditazione, le camminate semplici, i ricordi, la scrittura e la creatività. Ogni organismo umano è molto complesso ma non per questo dobbiamo rinunciare a capirci, ad esplorare dentro di noi, anche l’insondabile. È una ricerca abile che sfocia in una continua acquisizione di strumenti di conoscenza e di consapevolezza per procedere.

In questa nutrita Community c’è un filo conduttore che è molto legato al motto comune che abbiamo adottato come manifesto: antenne alte. Questo filo conduttore è il coraggio di indagare, di sapere anche se fa male o se costringe alla messa in discussione, di capire quello che ci dà gioia.

Questi percorsi per alcune persone sono stimoli e non muri invalicabili.

Mentre sto scrivendo è quasi ora di incontrarvi online per la lezione di yoga che ho preparato sulla leggerezza.

Una piuma è un punto di vista per procedere senza mai dimenticare il suo contrario. Vivere con leggerezza per me è soppesare. Significa togliere i pesi dopo che sono maturi e non fare finta di non vederli.

Significa andare avanti con la forza di chiedere aiuto quando è necessario. Indurirsi non serve a molto ma capita. È una protezione e un guscio dove abbiamo la necessità di germogliare in modo attivo per poi tornare nel mondo con energia nuova.

Sempre grata ♡

Per avere una lezione omaggio di Yoga naturale: c’è una sorpresa per te

Ho avuto un’idea questa primavera che si è poi concretizzata sul territorio e mi ha portata ad avvicinarmi ad alcune realtà e aziende che hanno accettato di collaborare. 

Le ringrazio fin d’ora per il loro entusiasmo e sono qui a raccontarvi l’iniziativa.

Sono sempre alla ricerca di canali alternativi ed efficaci per arrivare alle persone, condividere con loro i valori in cui credo e la mia nuova filosofia. 

Cerco di trasmettere tutto questo attraverso progetti che siano orientati verso soluzioni ibride tra nuove tecnologie, competenze e sistemi di comunicazione tradizionale rivisitati con uno sguardo innovativo. E che possano, allo stesso tempo, valorizzare il territorio e venire incontro alle aziende e alle realtà con cui mi sento affine e che condividono questo mio punto di vista.

Non è sempre facile e non sempre ci riesco, ma questa idea mi sta dando molte soddisfazioni. 

Il progetto è semplice e dà la possibilità alle persone di avere una mia lezione omaggio online di Yoga naturale. La possono trovare, e richiedere nelle aziende che cito qui di seguito. 

Allo stesso tempo le aziende hanno in questo modo a disposizione un omaggio gratuito da poter offrire ai loro ospiti e clienti.

Se avrai l’occasione di passare da loro e usufruire dei loro servizi, oppure acquistare online dai loro siti, riceverai in omaggio un buono cartaceo, senza scadenza, dove un Qr Code ti darà accesso alla lezione online di Yoga naturale semplicemente fotografandolo con lo Smartphone.

Se riuscirai a dedicare poi il tempo alla tua lezione omaggio, mi raccomando avvisami, mandami le tue riflessioni in modo da mantenere un filo di legame umano nonostante la distanza.

E ora non resta che scoprire queste preziose aziende e realtà a cui rinnovo il mio sentito ringraziamento.  

• B&B Il Gufo a Erto 340.2283550

nel Centro Storico di Erto per un soggiorno di coccole

• Affittacamere Casa Meneghin a Erto 333.4140830

il profumo di un tempo nel cuore di Erto

• Il Ricamificio a Forni di Sopra 0433.886641

con shop online, un laboratorio raffinato di prodotti utili e di rara bellezza

• Albergo Diffuso a Barcis 333.1631333

per un soggiorno vista lago

• Rifugio Pradut a Claut 345.8289307

per un soggiorno rigenerante in mezzo alla Natura selvaggia

• Hotel Lupo Bianco a Canazei 0462.601330

un super hotel con Spa in mezzo alle montagne

• Filippin Viaggi a Ponte nelle Alpi 0437.999579

un’agenzia viaggi moderna e dinamica gestita da due ertani per i vostri viaggi e soggiorni senza pensieri

Grazie sempre di aver dedicato il tempo alla lettura e a presto.

Ps. Se sei un’azienda, ti ha incuriosito questa collaborazione e condividi la stessa filosofia puoi contattarmi, te ne parlerò più dettagliatamente. 

• B&B Il Gufo a Erto 340.2283550
nel Centro Storico di Erto per un soggiorno di coccole


• Affittacamere Casa Meneghin a Erto 333.4140830
il profumo di un tempo nel cuore di Erto


• Il Ricamificio a Forni di Sopra 0433.886641
con shop online, un laboratorio raffinato di prodotti utili e di rara bellezza


• Albergo Diffuso a Barcis 333.1631333
per un soggiorno vista lago


• Rifugio Pradut a Claut 345.8289307
per un soggiorno rigenerante in mezzo alla Natura selvaggia


• Hotel Lupo Bianco a Canazei 0462.601330
un super hotel con Spa in mezzo alle montagne


• Filippin Viaggi a Ponte nelle Alpi 0437.999579
un’agenzia viaggi moderna e dinamica gestita da due ertani per i vostri viaggi e soggiorni senza pensieri

Props, cuscini, coperte, cinghie, foulard e attrezzatura: i sostegni dello Yoga

Sono sempre stata dell’idea che lo Yoga sia essenzialità. Il tappetino, per molto tempo, è stato il mio unico supporto. Il corpo, a mio parere, avrebbe dovuto farcela senza troppi fronzoli o aiuti. Erano gli albori del mio viaggio introspettivo, avevo appena iniziato a praticare Yoga. Dovevo fare ancora molta strada, sviluppare molta consapevolezza e soprattutto dovevo ancora capire il corpo, entrare in sintonia con il mio organismo.

Ho capito l’importanza dei props, dell’attrezzatura e dei sostegni solo quando, dopo un’operazione importante al colon, ho dovuto ricominciare a muovermi piano piano, rispettando il mio corpo e i suoi tempi di recupero. Ho ripreso a praticare in modo molto lento. Non potevo sforzare eccessivamente. Alcuni asana mi erano preclusi. Così mi venivano incontro cuscini, coperte, cinghie, foulard, mattonelle che mi permettevano di studiare alternative ottimali per costruire una pratica su misura per me in quel momento. E mi sono accorta che i props non erano solamente utili ma davano alle posizioni una specificità intrinseca che poteva essere usata sempre, non solamente momenti di difficoltà.

Ho continuato per diverso tempo a usare i props durante la mia nuova pratica di Yoga e poi, quando ho iniziato a insegnare, li ho gradualmente inseriti nelle pratiche con gli allievi. Molto dell’efficacia dei props mi è stato insegnato dallo Yin Yoga. Una prospettiva completamente diversa, non muscolare ma connettivale, dove i sostegni diventano indispensabili per sviluppare un certo tipo di lavoro specifico nel corpo attraverso l’immobilità. 

Le mattonelle sono le mie preferite per versatilità, sono importanti per lavorare gli asana in modo graduale come ad esempio i Trikonasana oppure per intensificarne altre come alcuni piegamenti indietro. Inoltre posso essere usate anche per la vita di tutti i giorni. Le uso come supporto per il Pc oppure come momentanei porta tisana. 

Le cinghie sono utili per gli allungamenti in progressione oppure quando dobbiamo agganciare due estremità che non si raggiungono facilmente, nelle torsioni e ogni qual volta abbiamo bisogno di aggiungere uno spazio ulteriore. Personalmente al posto delle cinghie preferisco il foulard che è molto più versatile e che all’occorrenza diventa, ripiegandolo, anche un comodo cuscinetto per la fronte.  

Per quanto riguarda i cuscini, beh, qui si apre un mondo davvero infinito. Ogni anno ne vengono prodotti di nuovi e con funzioni differenti. I miei preferiti su tutti sono i bolster: cuscini lunghi a forma di cilindro oppure rettangolari. Sono cuscini, di solito, molto grandi, anche se negli ultimi anni sono nati nuovi formati come quelli lunghi e stretti. In ogni caso si possono usare anche nella vita di tutti i giorni, su divani e letti e il loro più grande pregio è proprio quello di essere un vero e proprio sostegno per il rilassamento del corpo. Bolster in inglese significa proprio sostenere. Numerose sono infatti le posizioni dove la schiena sul bolster trova un importante giovamento. Non sono cuscini dove si sprofonda, sono al contempo morbidi e solidi. 

Non è mai una buona cosa quando i props vengono usati per forzare una certa posizione. Bisogna sempre allineare il corpo in una posizione rispettandone la conformazione e caratteristiche e soprattutto rispettando quello che si sente. Quando si sforza eccessivamente si sta facendo violenza al proprio corpo ed è sempre controproducente. 

Vi suggerisco, se volete provare i props, di farvi guidare dalla curiosità di sperimentare e di portarli nella vostra pratica in modo consapevole e graduale. In questo viaggio sarà proprio il corpo a dirvi quali preferisce e quali sono i migliori per voi da utilizzare come sostegno.

Qui di seguito vi lascio i link se avete bisogno di acquistarli. Sono prodotti che ho provato personalmente e con i quali mi sono trovata bene. Non sono molto economici ma per lo Yoga è indispensabile scegliere dei prodotti buoni, duraturi e che sostengano l’ambiente. 

Namasté e buona pratica.

Progredire stando fermi

Maggio è un mese di mezzo. Come settembre, è mese di passaggio e di metamorfosi. È un mese dove mi destreggio tra nuovi progetti e paura di fare, di procedere; di dubbi e incertezze puntuali come la primavera.
La mia indole è tana infinita. Solo la luce nuova e rigogliosa di maggio mi porta a voler carpire più del solito e guardarmi attorno per osservare come torna a muoversi la Natura, come procedono gli alberi.
Gli alberi vanno avanti stando fermi. Forse è proprio questo che mi affascina del loro mondo.
Per molto tempo mi è sembrato che stando ferma non potessi progredire in nessun modo. Poi ho iniziato a osservare gli alberi. A guardarli con una luce nuova negli occhi. A renderli partecipi all’interno della mia vita. Progrediscono in silenzio, stando fermi. Rami che anni prima erano fuscelli diventano solidi e folti.
Mi stupiscono le radici che danzano sotto la terra. Le si aggrappano e ho perfino l’impressione che la tengano ferma.
Gli alberi muovono il loro animo, è il loro temperamento interiore che procede, a microscopici passi.
Con questo spazio per gli alberi di maggio mi affido anche io al mio animo, alle radici e alle fronde della testa.

I rifugi della Val Zemola

Ti è mai capitato di camminare in una valle dove la suggestione delle vette, dei boschi e della Natura è talmente forte da farti percepire un’energia potente dalla presenza sacra e grandiosa?

Esiste una valle che porta negli animi umani proprio la nitida sensazione di essere parte di un tutto vivido e prezioso.  L’accesso sembra una porta: una curva cela quello che poi si aprirà agli occhi. Cime che si parlano, rocce a picco e un torrente lontano, in fondo a un precipizio che toglie il fiato nella sua profondità.

Ti sto parlando della Val Zemola che, con l’arrivo delle stagioni più calde, torna meno aspra e riaccoglie i viandanti dal passo spedito. Esploratori e osservatori della Natura rimangono sempre ammaliati dalla valle tenebrosa di Erto. A chi sa cogliere l’infinitesimale e il microscopico regalerà sorprese indimenticabili e rarità da contemplare nel silenzio.

In questa valle ci sono tre rifugi alpini che d’inverno rimangono chiusi, se ne vanno anche loro in letargo, ma adesso con i primi di maggio stanno per riaprire in modo da accogliervi con prelibatezze di una volta, piatti caldi, dolci fatti in casa e momenti da passare in compagnia o in completa solitudine circondati da una montagna particolare e sublime che ha ispirato molti romanzi e racconti di mio padre.

Amo entrare in questa valle in punta di piedi. Vado a trovare alcuni alberi che ho eletto a totem e divinità solo nella mia testa. Guardo nidi costruirsi giorno dopo giorno, cerco di fotografare un insetto raro che sa nascondersi diventando corteccia.

Lascio meno tracce possibili. Provo a non disturbare, ad armonizzarmi con quella realtà ancestrale in modo da riconnettermi alla Natura. Mi è necessario quando sento che la vita di tutti i giorni mi distoglie dal primordiale legame con la Terra. Allora torno subito tra i boschi, in mezzo agli alberi e a radure burbere. Basta poco, a volte una manciata di minuti.

Se vorrai addentrarti in questa valle magica ti lascio  i recapiti dei rifugi alpini che potrai trovare sul tuo cammino. Perché  il viaggio ha soste per fermarsi, tempi lenti per assorbire ossigeno e stare.

RIFUGIO CASERA MELA aperto dal 1° maggio tutti i giorni,
accesso sia con prenotazione che senza
333.7857908 – 331.8210690 – info@caseramela.it  –  www.caseramela.it

RIFUGIO CAVA BUSCADA aperto tutti i fine settimana sabato, domenica e festivi,
dal 20 giugno al 20 settembre aperto tutti i giorni,
non è necessaria la prenotazione ma è possibile richiederla
320.0413665 – 328.4625598 – robyc.72@tiscali.it – www.cavabuscada.com

RIFUGIO MANIAGO aperto dal 1° maggio, consigliata la prenotazione
0427667027  338.1697479

Namasté

PS. Indispensabile avere con sé la Cartina Escursionistica Tabacco (è una delle cose che non mancano mai nel mio zaino).

In valle non c’è campo per il cellulare.